Processore CPU Intel o AMD

Il processore, o Microprocessore, è il cervello di un Computer. Il Processore, quindi, gestisce, organizza, smista, equilibra, controlla e supervisiona tutte le funzioni del computer. In altre parole è il direttore d'orchestra delle varie componenti Hardware.
Il processore, nel tempo che gli rimane, effettua anche tutti i calcoli che gli chiediamo di fare.
Proprio per questa sua importanza centrale nell'architettura di un Computer, il Processore è definito CPU (Central Processing Unit), ovvero l'unità centrale di processo. Ogni cosa che accade, ogni immagine che vediamo, ogni interpolazione, trasposizione, trasformazione e risultato che ci compare a video, è merito (o colpa) della CPU, e quindi del Processore.
Assemblare un Processore è diventato molto semplice col passare del tempo e delle tecnologie, basta sollevare una protezione e incastrarlo nell'apposito slot al centro della scheda madre. Lo Slot al centro della scheda madre si chiama Socket, e ogni famiglia e tipo di processore ha il suo.

Scheda Madre, Mobo, Mother Board

La scheda madre è quella grande piastra di silicio agganciata al Case PC che ospita tutte le componenti Hardware del Computer. Più o meno in alto al centro c'è il Socket, ovvero l'alloggiamento del Processore.
accanto al processore troviamo le DIMM per i banchi RAM, e sono quelle fessure plastiche lunghe di plastica. Possono essere due o quattro. O anche otto in schede madri particolari. A dastra, invece, troviamo la I/O panel, ovvero dove agganciamo tastiera, mouse e quant'altro ci occorra. Tra la I/O Panel e il Socket ci sono dei chip di varie forme. Quelli piatti, piccoli e quadrati sono i MOSFET, quelli cubici un po' più ingombranti sono i Chokes e quelli cilindrici piccolini sono i Condensatori. Questi tre fattori sono alla base della scelta di una buona scheda madre.
In basso troviamo delle altre fessure, simili a quelle per i banchi RAM, ma posti in orizzontale: sono le porte PCI-e. Quelle più lunghe sono le PCI-e 16X, quelle più corte sono le PCI-e 1X.
A sinistra delle PCI-e, sempre sulla parte bassa della scheda madre, c'è il Coprocessore, ovvero il Chipset. Il Chipset è il controllore di volo quando si tratta di dirigere le informazioni che da processore devono raggiungere le altre componenti Hardware. Ogni processore ha, infine, la sua lista di Chipset compatibili.
Per finire, disseminate lungo il bordo della scheda madre, ci sono le porte di connessione per le altre periferiche Hardware separate: gli slot SATA III per gli Hard Disk, le molex per l'alimentazione, i 4-pin per ventole, pompe ad acqua e pompe AIO. Infine, più articolati, sono i connettori per le porte USB, le uscite audio e i tasti inclusi nel case.

Scheda Video, GPU Nvidia o AMD Radeon

La scheda video è, tra le componenti Hardware collaterali del PC, quella più costosa ma anche quella più utile a raggiungere determinate prestazioni. Ogni scheda video ha un proprio processore (denominato CORE), ha una memoria dedicata costituta da Chip identici a quelli delle RAM. Di fatto la RAM della scheda video è detta vRAM ed è in tutto e per tutto identica alla RAM del PC a parte per il fatto di essere saldata sulla piastra della scheda Video.
Data la propria capacità di elaborare informazione e distribuire risultati, compiti e doveri, la scheda video è anche definita GPU (Graphic Processing Unit), ovvero l'unità di processo grafico.
Alcuni processori hanno una GPU integrata al loro interno e condividono con essa la RAM del processore: se non si hanno particolari necessità di resa, ci si può accontentare della GPU integrata. Ma per lavori più importanti, ed elaborazioni video più complesse è bene ricorrere a una GPU dedicata.
La Scheda Video si alloggia in una porta PCI-e 16X e nei Computer più prestanti, è possibile trovare due o più schede video che lavorano in parallelo.

Alimentatori e PSU

Il computer ha bisogno di essere alimentato e l'alimentatore, o PSU (Power Supply Unit), è un componente hardware fondamentale. Senza Scheda Video è possibile lavorare con il computer, senza alimentatore il PC non si accenderà.
Ogni alimentatore ha le proprie caratteristiche. Esistono Alimentatori modulari, ovvero con degli spinotti molex non cablati: grazie alla modularità è possibile inserire i soli cavi utili ed evitare gli altri; il Case PC resterà molto più ordinato. Gli alimentatori cablati, invece, hanno tutti i fili già connessi e quelli che non utilizzeremo per alimentare periferiche o componenti Hardware, rimarranno a penzoloni in giro nel Case-PC.
Una buona via di mezzo sono gli alimentatori semi-modulari, ovvero alimentatori con un prezzo intermedio che hanno il connettore da 24 e da 8 già cablati (PSU per scheda madre e processore), mentre gli altri connettori saranno di tipo modulare. La PSU ha un proprio wattaggio ed è necessario che le Watt prodotte siano sufficienti ad alimentare tutte le componenti hardware scelte.
Infine, gli alimentatori hanno anche un particolare tipo di certificato, denominato 80 plus, o 80+. Questo certificato significa che l'alimentatore è in grado di disperdere meno del 20% della corrente, ovvero garantisce di fornire almeno l'80% di corrente prodotta alle componenti Hardware. La certificazione 80 plus degli alimentatori ha ulteriori livelli di capacità (gold, platinum, silver), a ognuno corrisponde una minore dispersione di corrente.

Dissipatori, Aria o Liquido

Il processore è una componente capace di altissime temperature e, come tale, è anche capace di sopportare temperature di 80° e oltre. Il livello delle temperature sopportate da un processore è chiamato T° Junction, o DIE.
Nel caso in cui il processore oltrepassi la temperatura T° Junction, il computer entra in OverHeating Protection e si spegne. Per evitare l'aumento di temperature, ovvero il surriscaldamento del computer, si usano degli accorgimenti particolari come Dissipatore e Ventole. Le Ventole servono a mantenere fresco l'interno del Case-PC raccogliendo aria fredda ed espellendo aria calda, il dissipatore, invece, si occupa esclusivamente di mantenere il processore a temperature accettabili.
Aria o Liquido non ha importanza, di certo la dissipazione a liquido è capace di un raffreddamento più importante di quella ad aria, ma per mantenere fresca la propria CPU è sufficiente termoregolarla con un più economico dissipatore ad aria. Esistono dissipatori di ogni genere, ci sono quelli ufficiali di Intel e quelli Custom di terze parti. Entrambi fanno il loro dovere, ma certo è che per avere dei buoni livelli di OverClock dobbiamo ricorrere ad altre dissipazioni più importanti.

Custom WaterCooling Loop

Negli ultimi anni è nata la moda del Custom Watercooling Loop, ovvero del raffreddamento a liquido dei componenti hardware del PC attraverso un pittoresco sistema di tubi, pompe, radiatori e ventole capace di colorare, illuminare e rendere esteticamente più gradevole l'interno del Case-PC. Non a caso esistono dei Case-PC completamente vetrati, adatti a far ammirare queste vere e proprie opere d'arte.
Il Custom Watercooling Loop può raffreddare non solo le CPU attraverso il CPU Waterblock, ma anche le schede video, gli hard disk, le ram, i chipset delle schede madri e addirittura raggiungere l'alimentatore. Il costo di questi sistemi di raffreddamento per PC è piuttosto elevato, alcuni modelli possono costare più del processore, ma la loro resa è indiscutibilmente migliore. Per contro hanno bisogno di una maggiore manutenzione e non son così semplici da assemblare.
Una piccola perdita in un Custom Watercooling Loop è in grado di danneggiare irreparabilmente qualsiasi componente hardware che, invece, dovrebbe proteggere.

DIMM memoria RAM SDRAM

Il Processore è una potente unità di calcolo, ma per fare i calcoli sono necessari dei parametri e delle variabili di partenza; inoltre anche i risultati restituiti andranno archiviati da qualche parte. Le RAM servono a questo: archiviare variabili da computare e risultati di variabili computate. Maggiore è la loro capacità di stoccaggio e maggiore sarà la velocità con cui il processore si procurerà i dati da computare.
La RAM è una memoria volatile, ovvero una memoria che può essere scritta e riscritta miliardi di volte. Una memoria che verrà completamente resettata non appena si spegnerà il PC. Il suo grande vantaggio è la velocità di scrittura e lettura dati: sicuramente più veloce di un Hard Disk e di certo più capiente di una Smart Cache. Anche le memorie RAM sono dotate di alcuni parametri che le rendono, in base ai vari modelli, più o meno prestanti. Uno di questi valori è la velocità: esistono RAM che partono a 2133 mhz e raggiungono i 4500 mhz e oltre. Maggiore è questa velocità e maggiore sarà la velocità con cui il processore o il chipset scriveranno e leggeranno dati dalle RAM.
Un altro valore importante è la latenza, indicata come CL. La latenza della RAM è il tempo che intercorre tra la scrittura di un dato e la scrittura del dato successivo. Una minore latenza permetterà una velocità maggiore. Infine, una RAM ha una quantità predefinita di spazio. Parte da 4 Gb e arriva fino a 32 Gb e oltre. A un maggiore stoccaggio dei dati, corrisponde un accesso più agevole agli stessi.

Hard Disk, SSD, M2 e U2

Gli Hard Disk sono memorie permanenti, ovvero persistenti fino a quando non verrà espressa la volontà di cancellare, modificare o sovrascrivere un dato. Gli Hard Disk hanno delle capienze specifiche, oggi non è raro trovare Hard Disk di 4 TB. Ma non è solo questo che conta: gli hard disk sono dotati di Buffer per una più veloce diffusione dei dati richiesti e di una velocità interna di ricerca espressa in RPM, ovvero giri al minuto. Esistono Hard Disk a 5400, a 7200 e 10000 giri al minuto.
Ma gli Hard Disk non sono solamente quei cassetti ingombranti da 3,5". Le memorie a stato solido hanno permesso la loro miniaturizzazione e oggi esistono degli Hard Disk molto più piccoli e leggeri. Non è solo un fattore di dimensioni: gli Hard Disk a stato solido (chiamati anche SSD Solid State Disk) hanno una velocità di lettura e di scrittura molto maggiore rispetto agli Hard Disk tradizionali.
Tra gli Hard Disk a Stato Solido troviamo i più comuni SSD, ovvero Hard Disk capaci di buone velocità e discreto stoccaggio. Hanno un costo più alto rispetto agli Hard Disk tradizionali, ma sicuramente ne vale la pena. Esisono anche SSD più piccoli, chiamati M.2, questi utilizzano un canale PCI-e per comunicare col resto delle componenti Hardware. Di fatto sono ancora più performanti degli SSD e, naturalmente, costano di più.
Ma gli Hard Disk non finiscono qui. Esisono altri formati capaci di comunicare con l'hardware attraverso i canali della RAM, attraverso le PCI-e con un protocollo più veloce degli M.2.
Insomma, ce n'è per tutti i gusti, tutte le necessità e tutte le tasche.

Case PC Desktop

Le componenti Hardware devono poter essere collegate tra loro in un ambiente organizzato e riparato da polvere, umidità e urti: il Case-PC. Un Case-PC è una scatola di metallo e plastica capace di organizzare le componenti Hardware e, contemporaneamente, supportare alloggiamenti per ventole e radiatori al fine di mantenere fresco e operativo l'intero computer.
Negli ultimi anni i PC si sono evoluti anche sotto al fattore estetico ed è sempre più facile trovare Case-PC dotati di luci e lastre vetrate (o acriliche) per mostrare l'interno. Non lasciatevi abbindolare dall'eleganza o dalla bellezza, i Case-PC migliori sono quelli che offrono un maggiore alloggiamento per le ventole e i radiatori, degli scomparti definiti per la sistemazione delle componenti hardware e, piò in generale, un supporto spazioso e ben organizzato per cavi, connettori e componenti Hardware.
Anche nel mercato dei Case-PC esiste una varietà infinita di prodotti e marche; la qualità generale è ancora abbastanza standardizzata a meno di non scegliere modelli top di gamma capaci di un migliore apporto più visivo che tecnico.

back to HOME @ » blog back to HOME @ » static-pages